Climb your way to the top!

Coaching e Consulting

La scintilla è scoccata in Norvegia. In un cantiere in pieno circolo polare artico. Ho seguito il lavoro di professionisti tra montagne e fiordi. Li ho coordinati in condizioni di particolari difficoltà sia per la parte operativa sia per quella di salute e sicurezza. Tra scalate e voli in elicottero, in condizioni complesse, a tratti estreme, li ho supervisionati nella costruzione di linee elettriche ad alta tensione, durante l’installazione delle torri elettriche, in cui ciascuna parte puó raggiungere il peso di 1500 kg. Mi sono trovata a coordinarli durante la tesatura dei conduttori tra una torre e l’altra, in un lavoro ad alto rischio a tratti acrobatico. E’ lí che scelto di ampliare le mie competenze e direzionare la mia vita professionale verso il coaching. Per essere in grado di motivare l’ individuo ed il team verso azioni che portino con consapevolezza e assunzione di responsabilità al raggiungimento dei propri traguardi.

Mission

Il mio obiettivo è concentrarmi sulla formazione. Trovare il giusto equilibrio tra efficienza nel lavoro e motivazione personale è un passo imprescindibile per avere successo e soddisfazione. Questo vale in qualsiasi ambito, non solo in un cantiere. Ho deciso di esplorare ed approfondire tale aspetto, applicandolo a numerosi contesti. Così divento Coach, al fine di supportare l’individuo, il professionista o l’azienda e diventare parte del suo progetto condividendone fasi e traguardi prefissati.

Chi Sono

Mi sono laureata in ingegneria elettrica e da subito ho orientato il mio interesse verso gli aspetti riguardanti la sicurezza, la salute e l’ambiente. Italia, Africa, Repubblica Ceca, Norvegia: questi i luoghi principali in cui ho lavorato. L’ingegneria mi ha offerto due grandi possibilità: quella di inventare e quella di lavorare in team. Dalle esperienze di gruppo è nata anche la mia passione per il coaching a cui mi sono avvicinata per un percorso umano e professionale.

Coach Grow and Move

Coach Grow and Move è rivolto a coloro che sono interessati a strutturare insieme un progetto dinamico e metodico di crescita sia personale sia professionale che puó riguardare la singola persona, un gruppo, una famiglia, un team, un’azienda.
Lo scopo di Coach Grow and Move è quello di definire insieme il metodo più efficace e soddisfacente per la crescita, lo sviluppo, il raggiungimento di obiettivi con consapevolezza, responsabilità e soddisfazione nei diversi ambiti coinvolti.
Coach Grow and Move

Applica il proprio metodo tramite 5 Steps

Utilizza 4 livelli autonomi ma integrabili tra loro

Propone strumenti dinamici

Il Metodo

Gli Steps di Coach Grow and Move sono:

Accettazione

Meeting conoscitivo tra Cliente e Coach

Start up Meeting

Concordare Timing e Methodology

Agreement

Dynamic Approach

Coaching sessions, follow-up and feedback

Conclusions

Conclusions

I Livelli

Coach Grow and Move propone 4 livelli al cui interno viene affrontato il percorso impostato tramite le fasi descritte dal metodo. Ciascun livello funziona in modo autonomo, ma, allo stesso tempo, può essere integrato con gli altri. All’interno di ciascun livello è possibile applicare ciascuno strumento, singolarmente o in sinergia, proposto da Coach Grow and Move. I 4 livelli ideati sono:

BE ABOUT TO TALK

attività di Coaching e Consulting in ambiente indoor, che possa essere lo studio del Coach, l’ufficio del Coachee o un luogo terzo, scelto ad hoc.

BE ABOUT TO CLIMB

alla attività di Coaching e Consulting si abbinano ulteriori approcci dinamici quali ad esempio Climbing (indoor e/o outdoor), Music Circle, Yoga e Mindfulness applicati all’interno della propria città.

BE ABOUT TO LEAVE

alla attività di Coaching e Consulting si abbinano approcci dinamici quali ad esempio Climbing (indoor e/o outdoor), Music Circle, Yoga e Mindfulness applicati in un contesto diverso dalla propria città.

BE ABOUT TO GO BEYOND

alla attività di Coaching e Consulting dinamico, si aggiunge la scelta di voler condividere la propria esperienza e le proprie skills . Da Coachee a Coach. Diventando parte di progetti di crescita e sviluppo in comunità bisognose e diverse dalla propria, si può contribuire al raggiungimento di uno finalitá loro favorevole.

Gli Strumenti

Gli strumenti che adotto hanno come principale finalità la connessione tra quanto condiviso in fase di Be about to talk e l’esperienza pratica reale. Ogni strumento applicato all’interno del percorso metodologico di Coach Grow and Move è volto alla creazione di uno specchio in cui guardarsi, ascoltarsi e percepirsi. Il movimento della mente si tramuta in un movimento reale del corpo. Il lavoro tra le due sfere diventa sinergico e complementare, teso ad una maggiore consapevolezza di se’ e del proprio agire. Presa di coscienza, assunzione di responsabilità e mantenimento costante dell’equilibrio necessario al raggiungimento di un traguardo. Il Coaching dinamico è applicato attraverso modalità accreditate e riconosciute e in affiancamento a professionisti accreditati.

CLIMBING

L’arrampicata è uno degli strumenti funzionali al percorso di crescita proposto dal metodo CGM. Prima ancora di costituire un elemento del mio lavoro, il climbing è una delle mie passioni. Permette di rappresentare metaforicamente il percorso che si sceglie di seguire per raggiungere un preciso obiettivo. L’arrampicata – sia indoor che outdoor- diventa strumento abbinato ad un classico percorso di Coaching. Raggiungere la vetta di uno spazio fisico insegna ad abbattere le barriere, a ridimensionare le irrisolutezze e a conoscere l’essenza delle proprie potenzialità. Il climbing, eseguito insieme e sotto la supervisione del proprio coach, incoraggia ogni consapevole scelta. Decidere quando muoversi autonomamente, valutare quando richiedere aiuto per oltrepassare e superare un ostacolo insegna a prendere decisioni. E’un incontro, una ponderazione tra forza ed equilibrio.

MUSIC CIRCLE

Altro strumento proposto dal metodo CGM è la musica. Di grande efficacia soprattutto in una strategia di apertura, condivisione e contributo in qualsiasi forma di progetto, l’ improvvisazione musicale favorisce l’ espressione e la condivisione di idee. Sia in un ambito lavorativo afferente ad un team, sia all’interno di un percorso individuale, l’espressività musicale è un elemento che pone le basi di un progetto, supportando nell’apertura della comunicazione pro-attiva senza barriere.

MINDFULNESS

Il Mindfulness è uno strumento che aiuta la persona ad acquisire maggiore consapevolezza. L’individuo, attraverso questo elemento proposto all’interno del percorso, si colloca in maniera più consapevole nella situazione puntuale che sta vivendo. L’utilizzo del mindfulness nella fase dinamica del coaching permette ad ogni partecipante di percepire ed analizzare il proprio status. Tale valutazione, che può utilizzare come unità di misura elementi come ad esempio l’incremento del livello di soddisfazione raggiunta, accompagna il soggetto in ogni step del percorso effettuato.

YOGA

Lo Yoga è una disciplina che favorisce l’ unione e la connessione tra il corpo e la mente. Favorisce il raggiungimento del proprio equilibrio. ogni movimento che il corpo riesce a raggiungere e’ frutto di una scelta consapevole della mente. La pratica cstante dello Yofa fissa i tuoi obiettivi. Nulla e’ piu’ irraggiungibile.

WorkCase

Family Team

Ho incontrato una bambina di 10 anni a cui, a seguito di un incidente alla testa, il neurologo aveva consigliato di svolgere attività fisiche che favorissero il ripristino di stimoli cerebrali attraverso stimoli fisici. Con il sostegno della mamma l’ho guidata in un percorso di coaching. Step by step, ho scelto di abbinare due livelli del metodo CGM. Be about to talk, in una prima fase, e Be about to climb, utilizzando la tecnica del climbing e del musicale circle. Una iniziale pratica indoor era imprescindibile. Quando ho reputato che la bambina fosse confidente, ho spostato la messa in pratica outdoor, sulla roccia viva, nella natura. Il timore iniziale e’stato superato grazie al lavoro armonico del nostro piccolo team. Abbiamo ripercorso insieme, sia mentalmente, che praticamente, gli steps che ci avevano portato lí, abbiamo ripetuto ogni movimento provato in palestra. Insieme alla presa di coscienza del proprio corpo e del percorso che il corpo stesso poteva realizzare, e’ riemersa l’importanza di credere in se stessa e, al contempo, di decidere quando chiedere supporto e di chi fidarsi. Quando ha raggiunto la vetta e’stata per tutti una grande emozione: ce l’aveva fatta! Come espressione di apertura, conquista e realizzazione, a termine percorso, ho condotto insieme alla sua famiglia una attività di music circle.

Taking up a career

Ho seguito un dirigente di Amazon per quattro mesi. Ad inizio del suo percorso di coaching, le convinzioni relative alla definizione del proprio obiettivo risultavano molto ferme. Il punto di vista che si poneva nel visualizzare traguardi quali un possibile avanzamento di carriera e un miglioramento economico era piuttosto rigido. Ho applicato in abbinamento due livelli tra quelli proposti dal metodo CGM. Be about to talk, in una prima fase, e Be about to climb, in una successiva, hanno aiutato il soggetto a mettere a fuoco i dettagli del traguardo che si stava prefiggendo. Nel corso del tempo si è reso conto dell’evoluzione del concetto di cui era alla ricerca: un equilibrio tra la sfera lavorativa e quella personale. Come strumenti applicati, l’abbinamento che è risultato vincente è stato quello tra il climbing ed il mindfulness. L’approccio dinamico ha fatto sí che emergessero aspetti ulteriori oltre a quelli inizialmente valutati. La presa di coscienza di difficoltà, potenzialità ed emozioni ha aiutato a scoprire nuove dimensioni. CGM ha portato alla riscoperta di un nuovo equilibrio e di una motivazione autentica. La crescita che ne è derivata si è dimostrata professionalmente ed umanamente soddisfacente.
Change management e Team building
Collaboro da anni con un’azienda di costruzioni di linee elettriche ad alta tensione. La mia collaborazione è iniziata per aiutarli ad entrare in nuovi mercati esteri. Nello specifico, in ambito operativo, li ho seguiti per “Sicurezza Salute e Ambiente”. Il mio ruolo si è poi ampliato fino a riguardare l’attività di riorganizzazione aziendale, all’interno di un progetto di miglioramento dell’efficienza lavorativa. Attraverso il coinvolgimento e la responsabilizzazione dei dipendenti e dei managers a diversi livelli, ho supervisionato un procedimento fondato sulla connessione umana e professionale tra i soggetti coinvolti. La mia esperienza come Coach e Consultant ha giovato del mio personale background di management. Lo stesso approccio di consapevolezza e responsabilizzazione è stato adottato in modo sistematico nelle diverse aree dell’Azienda, tra cui anche quella della Sicurezza e Ambiente. Lo start up di un nuovo mind set è dunque figlio di un naturale approccio, fondato su consapevolezza e responsabilizzazione. Da single case si e’poi tramutato in una modalità sistematica che viene applicata in ogni ramo della Azienda. Senza dubbio un abbinamento vincente di Be about to talk e Be about to leave, stante la delocalizzazione delle forze lavorative.

Partners

MiLa Comunicazione - Communication Partner

 

Mi. La Comunicazione è un team di professionisti che lavora per realizzare sogni. Mi.La e’ un’ idea diversa e nuova di comunicazione integrata dedicata ai liberi professionisti e alle realtà associative ed imprenditoriali attente alla qualità e all’eccellenza. Per Mi.La comunicare vuol dire entrare in empatia con il messaggio da trasmettere e trasformare le esigenze di un cliente in contenuti adatti al target di riferimento. Mi.La crede fermamente che alla base di ogni comunicazione ci sia una storia da raccontare in modo poliedrico che riunisce e collega diversi piani narrativi. La nostra filosofia mira a rendere unico e riconoscibile ogni servizio. Per questo realizziamo con passione brand, siti web, app, seguiamo progetti piu’ o meno strutturati e ci dedichiamo alla social media strategy che ci lega ad ogni realtà. Crediamo nel valore delle PR e del Press Office. Siamo costantemente alla ricerca del talento e amiamo la cura del dettaglio. Creare un prodotto per noi equivale a cucire un abito su misura. Tu pensa al prodotto, a renderlo unico ci pensiamo noi!

 

Marta Panareda - Tecnhical Partner

Spagnola di nascita, ho trascorso molti anni lavorando per compagnie internazionali in qualità di Corporate Sale Manager. Questa esperienza mi ha concesso l’opportunità di sviluppare la mie capacita’, quali ad esempio lavorare a contatto con le persone, valorizzare il lavoro di squadra e i ruoli di leadership. Nel 2012 ho deciso di diventare Executive e Business Coach certificato da ASESCO, specializzato in comunicazione e leadership. Perché? Amo aiutare le persone a sviluppare appieno il proprio potenziale, sia dal punto di vista personale, sia da quello professionale.

Il mio approccio si fonda sulla considerazione che il corpo e la mente sono elementi interconnessi tra loro, che ci  configurano. Da qui, l’utilizzo di strumenti olistici quali Mindfulness e Yoga. Sono un insegnante di yoga certificato: questo mi permette di valutare la persona partendo dal corpo per arrivare ad una comprensione completa. L’applicazione integrata delle mie competenze permette all’individuo di essere connesso con la realtà, di imparare a vivere il tempo presente. Offre gli strumenti per combattere lo stress, l’ansia, la resilienza, la paura, la rabbia. Incredibile, non è vero?

More Info:martapanareda.com

Petr N Houba - Tecnhical Partner

 

techinacal partner petr-n-houba

In seno al progetto Coach Grow and Move porto la mia esperienza e le mie competenze musicali e terapeutiche. Ho studiato insegnamento e musicoterapia presso la Charles University di Praga. E lo sto praticando da allora con crescente entusiasmo anche oltre i confini della Repubblica Ceca. Utilizzo sia strumenti musicali etnici, sia strumenti musicali classici nel mio lavoro con le persone. Ad esempio, i tamburi africani, il didje australiano (che realizzo a mano personalmente), i fiati melodici della tradizione moresca, il flauto, la chitarra classica e molti altri strumenti. E ovviamente lavorare molto con la propria voce, che è il nostro strumento di autoespressione più potente.